Articoli

Italiani in Italia: Serena e Le Pensierose

Italiani in Italia

Ideai questa rubrica Italiani in Italia mentre vivevo in Bulgaria con la mia famiglia. Quando si è lontani ci si accorge del buono che c’è nel nostro Bel Paese. Mi ripromisi di non dimenticarmene una volta rientrati in Italia, per non cadere nella trappola asfissiante dei soliti giri di polemiche vittimistiche in cui l’italiano medio sguazza senza contegno e privo di orgoglio. Così è stato e continua ad essere, per me stessa, per la mia famiglia soprattutto, nonostante gli accadimenti quotidiani generali remino contro. Vivere in Italia, a Roma, in Sicilia, a Milano, ovunque ci si trovi, è bello!

E dove c’è del buono, ci sono prima di tutto delle persone intraprendenti che fanno qualcosa su cui vale la penna soffermarsi, anche solo il tempo di una breve lettura. Da questo il titolo trait d’union del progetto. Io vorrei scovarle tutte, queste persone, e  appunterò in questo blog quelle che incontrerò! Per me, e per chi con me avrà il piacere di conoscerle.  Continua a leggere

,

Un pomeriggio

 

Sette dicembre
sei pini marittimi
cinque cipressi
quattro bambini
tre ciclamini rossi
due compagne di banco
un balcone assolato Continua a leggere

La vita è un’estate

A quanti di voi mi chiedono e si domandano cosa voglia dire, infondo, “la vita è un’estate” rispondo volentieri condividendo il mio personalissimo pensiero secondo cui la stagione estiva rappresenta la sintesi perfetta di una vita.
Una grande esplosione dei sensi e grosse sudate; succosissima frutta e terreni crepati per la siccità; trionfo di colori e paglia secca, lunghe corse gioiose e poi tanta sete; divertimento sfrenato e compiti per le vacanze, cose belle e cose brutte. È la vita. E’ così. In questo modo mi ricordo che ci sono cose che vanno prese meno sul serio, mentre altre, importanti o difficili da accettare, si può trovare il modo di trattarle con un velo di leggerezza o perlomeno, il pensiero dell’estate mi aiuta a non tralasciare le cose o le persone belle che rimangono attorno e continuano ad esserci, nonostante un fatto brutto abbia suonato al campanello.
Spero che la spiegazione sia stata esaustiva e non vi abbia deluso e che condividiate questa mia convinzione. Pensateci… scrivetevelo da qualche parte… mettetevelo nel portafogli…

Coraggio,
la vita è un’estate. 🙂

Poesia

Non ho rimpianti,
Non so se ne avrò.

Aspetto il momento alla luce del quale
tutto avrà un senso.
Tutto troverà il suo posto:

Luoghi, persone
Capricci, rinunce
Scarpette di cristallo.

(Anonima. 24 anni)

20140627-231320-83600781.jpg

, ,

Solstizio d’Estate

20140620-105000-39000331.jpg

Che parola stizzosa…solstizio! Eppure è proprio così che si chiama, in Italia, il primo giorno d’estate. Mio figlio è nato, facendosi attendere, per l’equinozio d’autunno. Così dal quel giorno, ogni volta che la stagione cambia mi ci soffermo un pochino di più.

Estate.

Trentacinque gradi, un po’ di umidità, il phon pensionato nell’armadietto, i ricci prepotenti, l’aspetto luminoso, la pelle ambrata, i sandali, lo smalto celeste, l’aria calda, i gelati, i parei, i colori chiari, la frutta fresca, il pizzo sangallo, il bianco, la luce, gli oggetti in gomma, le insalate, l’acqua, gli schizzi, le fontane, la sete, le perline colorate, la crema solare, le fette d’anguria,

Continua a leggere

,

Bulgaria: Kazan Lak e la festa per la raccolta delle rose

Lo scorso fine settimana, qui in Bulgaria, si è festeggiata, secondo tradizione, la raccolta delle rose. Questo appuntamento annuale è molto sentito dagli abitanti di queste terre che della coltivazione di romanticissimi fiori di rara bellezza e dell’estrazione dell’essenza sprigionata da ogni singolo petalo, hanno fatto baluardo nazionale oltre che giusto vanto a livello internazionale.

Il sabato mattina, molto presto, avremmo potuto assistere e partecipare in prima persona alla raccolta tra i profumatissimi filari, ma abbiamo pensato che sperderci in una campagna ancora sconosciuta, lontana da centri civili, con quel caldo, per il piccolo esploratore sarebbe stato uno sforzo eccessivo. Forse in questo caso abbiamo dato sfogo  a quella apprensività genitoriale che da circa nove mesi ci sta col fiato sul collo e che solo un genitore può sapere quanto è faticoso governarla e gestirla con razionalità. Spesso la vinciamo, e ne siamo contenti. E lui risponde sempre bene. Talvolta, complice un po’ di stanchezza, cediamo: ci preoccupiamo ed evitiamo. Senza rimpianti.

Ad ogni modo, la possibilità di partecipare a questo rituale, io ve la segnalo! Nel caso vi troviate a venire in Bulgaria in questo periodo dell’anno. I racconti di amici che hanno portato a casa sacchi di petali sono stati esilaranti!

Continua a leggere

,

Fusi

Buongiorno! Essere un’ora di fuso avanti alla maggior parte di voi mi fa sembrare straordinariamente mattiniera..
Oh no!! Avete scoperto il mio segretuccio!!!
Dai, vi saluto.. Vado a stropicciarmi un po’ gli occhi che tra pochi minuti comincia la tarantella, oggi eccezionalmente in lieve ritardo!
#missyoumuch

20140411-082117.jpg